Anime in volo.

 

All’età di 20 anni avevo già intrapreso il mio cammino di donna, con le mie scelte consapevoli, il mio coraggio consapevole, la mia determinazione inconsapevole e tutto l’entusiasmo che la mia età poteva donare. Tutto potevo immaginare ancora nella vita, tranne l’incontro con il passato. Quando occhi tristi mi venne incontro il destino fu compiuto. Ci sono racconti che ti segnano per sempre la vita e per quanto tu li possa contemplare, amare, condividere, possono solo tracciarti la strada verso un cammino nuovo, vero, bello o brutto che sia; perché si cerca sempre di imparare dal passato… Almeno questo ci insegna la vita.

Occhi tristi era una donnina esile, occhi blu cobalto, pelle di luna, nonostante la sua tarda età… Sapendo chi ero, mi corse incontro, tenera e materna, fu in quel momento che mi parlò di se. Quasi ad esempio per la mia vita, oggi, un giorno, domani, adesso, chi lo sa!

Io vedova bianca, lei vedova nera, Io realtà… lei ricordo… ma entrambe sole, chi per fato, chi per punizione; Fu così che diventammo amiche… Lei una nonna, io una nipote. Mi raccontò del suo matrimonio, dei suoi sogni spezzati quando era appena una ragazzina… mi insegnò il senso del rispetto, quello Sacro, quello eterno… quello che è per tutta la vita. Il suo matrimonio si celebrò in tempo di guerra, un amore grande, travolgente, antico… dopo pochi mesi di felicità arrivò la chiamata alle armi, e lui partì a malincuore con un presagio cattivo che gli  tornava in mente, un incubo da scacciare via e farsi coraggio per dare coraggio a lei, l’amore suo.

Fino a quando era vicino tornava dal fronte e di tanto in tanto, correva dalla sua donna a cibarsi dei suoi baci a darsi conforto con le sue carezze; Poi un giorno partì lontano…fu trasferito nella bassa Calabria, la guerra lo chiamava a dovere, solo le lettere quando potevano partire legavano l’amore dei due sposini ed essendo Antonio ricco di sogni e di altruismo regalava a lei diademi di felicità raccontandole di quello che il futuro gli avrebbe donato una volta insieme. Nell’inverno i sogni si fecero deboli… eppure restava la speranza e la nuova partenza per la lontana Sicilia forse avrebbe portato fortuna; Venne il giorno, Antonio si imbarcò, era un giorno cupo e nero, luci di colpi da sparo vibravano in lontananza, la guerra incalzava, il mare era in tempesta, il suono delle bombe era sempre più vicino, rimbombava penetrante nelle anime di quei poveri soldati… poi un colpo sordo, una luce abbagliante, un solo attimo… la vita, il ricordo dell’amore, l’immagine di quella donna che a casa lo attendeva piangendo… l’acqua, il fuoco… le urla nella testa…un pianto sommesso dentro il petto, la morte che arriva, tremenda, infuocata, bagnata di mare, corrosa di fumo, impregnata di sangue…il respiro che manca, il cuore che trema… il buio sempre più vicino, poi il silenzio, lungo, continuo…eterno…e lei a casa, ancora a pregare, ancora a sognare… Sognare! di quale futuro adesso! Di quale sole domani! Di quale mare;

“Mio marito fu cibo per i pesci” questo mi disse lei piangendo. Lui, lui divenne un angelo in cielo e una croce sulla terra.

Ma pregare una croce che sotto non porta le spoglie di un uomo che male nel cuore che fa; Lui, che mai seppe, perché così presto se ne era andato, lui che mai vide…lui che mai potè  gioire… di avere coronato il suo sogno. Mai tra le mani sue giunse quella lettera… Erano poche le parole scritte, ma dolcissime…e custodivano tutto…tutto il futuro, tutta la vita… tutti i sogni… in cui Lei dolcemente gli diceva: “Amore mio grande, Amore mio immenso, aspettiamo un bambino”, questo diceva quel foglio, una lettera d’amore intrisa dell’amore stesso… ma questo Lui non lo seppe mai…

Piansi quella notte… il racconto di occhi tristi mi strinse il cuore…

Per 60 anni lei fu fedele al loro matrimonio, mai più amò, perché mai più avrebbe saputo amare. Incatenata all’ancora di quella nave restò la vita sua…

continuò a scrivere lettere piene d’amore per tutta la vita… senza mai avere una risposta, eppure sapeva benissimo che non la poteva avere.

Nasconde la verità la guerra…e lo fa per sempre.

Questa è la storia di un amore antico, ucciso dalla guerra, mangiato dai pesci, cresciuto nel grembo di una donna e mai più dimenticato.

 Sonia Demurtas

edito in Riflessi di luna.

Annunci

~ di infinitylive su 29/09/2009.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: