Povera Anima.

Come ti sei salvata dai rovi di spine che cingevano il tuo cuore?

Povera anima persa nel lento naufragare delle ore…

in te si persero i silenzi più profondi…

le solitudini ardite dei più avidi ricordi,

eppure tu vivesti di bei sogni!

fatalità che inseguirono il destino.

Come ti salvasti dal tormento dell’angoscia?

quando la solitudine bramosa di dolore,

soleva oltrepassare i confini del tuo cuore;

Avevi vent’anni infondo! e nessun cuore vagabondo.

Imperterrita e smarrita continuasti la tua strada,

lungo il tuo cammino per sentirlo a te vicino;

Devastante la bufera del destino…

lontananza di dolore incatenata a questo cuore.

Eppure emersero alberi secolari da tempeste di alluvioni…

e Tu… Seminasti i semi di un raccolto buono…

l’acqua non devasta ciò che l’anima diafana echeggia all’amore.

Sappi aspettare! primavera cingerà i tuoi rami di onde e fiori…

l’alba nascerà una sola volta al giorno…

ma tu di luce e in luce…

continuerai a brillare.

SDquadro

Annunci

~ di infinitylive su 19/05/2009.

2 Risposte to “Povera Anima.”

  1. Mi sono salvata
    perchè io non muoi mai,
    e cammino con il tempo
    verso l’infinito.
    Ciò che riversate su di me
    non può restare,
    perchè il dolore non ha presa
    su ciò che è solo puro amore.
    Perciò non temere,
    continuerò a brillare.

    ciao 😉

  2. molto positiva! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: